I principi base della stampa 3D come materia di insegnamento per i bambini e i ragazzi.

Sulla scorta di quanto scritto alcuni giorni fa, voglio evidenziare una proposta molto interessante in merito all'utilità dell'insegnamento, ai bambini e ai ragazzi,  delle primarie tecniche della stampa 3D.

 
Edoardo Sinelli è il founder, nonchè CEO di Bluetek Italia e, da tempo, ha nel cassetto, un'idea che gli sta molto a cuore che riassume in un questa analisi.

 

"Numerosi studi hanno dimostrato l'importanza di un approccio globale e multisensoriale all'apprendimento: il bambino che è stato educato all'uso di tutti i sensi, in particolare del tatto, è abituato a percepire le piccole differenze tra gli oggetti (peso, temperatura, materiale) e accoglie con interesse ogni nuova proposta che sfidi la sua esperienza.


Oggi i bambini imparano a usare  computer, tablet e smartphone ancora prima che a leggere e scrivere ma, in questo processo di apprendimento, hanno a che fare principalmente con un' interfaccia touchscreen, priva di qualsiasi stimolo tattile.


Tutto questo li porta ad avere una visione del mondo di tipo passivo, utilizzando solo gli occhi e le orecchie come fanno poi con la televisione o con un videogioco.

Credo invece che, come educatori, sia nostro dovere quello di aiutare i giovani e giovanissimi a riappropriarsi di stimoli che li portino in una dimensione di interazione attiva con la realtà circostante, e questi  possono essere raggiunti anche con le nuove tecnologie.


La stampa 3D può, in tal senso, assumere un ruolo fondamentale perché consente all'utilizzatore, tramite l'uso del computer, di realizzare un prodotto, da lui inventato, che prenderà corpo e per fare questo dovrà attivare e sviluppare tutta la creatività che ha dentro di se.


Questo, a mio avviso, specialmente per un bambino, riveste un' importanza fondamentale permettendogli, tramite la combinazione simultanea di esplorazione e azione creativa, di vivere il suo mondo da attore principale e di acquisire, fin dalla tenera età, fiducia in se stesso e confidenza nei propri mezzi che lo sosterranno per gli anni a venire.


In tale ottica, ci proponiamo per organizzare dei corsi, della durata di 4 ore ciascuno, per docenti di materie tecncologiche all'interno di una struttura scolastica dove, con l'utilizzo di una stampante 3D di grande qualità, possiamo spiegare, nel dettaglio, le basi del processo di fabbricazione digitale e gli strumenti utilizzati in ciascun passaggio, il tutto ovviamente corredato da un testo didattico di riferimento"

 

Questo il messaggio e l'idea di base del nostro CEO che, in maniera sintetica, può essere riassunta nella possibilità di organizzare da parte di Bluetek Italia due differenti tipi di corso, della durata di 4 ore, così strutturati.

  • Corso per insegnanti delle scuole elementari, che permetterà al docente di tramettere, in maniera giocosa, le basi di questa tecnica per migliorare e sviluppare la creatività innata del bambino.
  • Corso per insegnanti delle scuole medie, che consentirà al docente un insegnamento su basi più professionali, ma sempre con l'obiettivo di tirar fuori dalle menti dei ragazzi il massimo della loro fantasia.


Per informazioni più dettagliate Vi invitiamo a scriverci a didattica@bluetekitalia.com

 

 

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0